Un mercato che sta conoscendo un periodo buio e alquanto discusso è sicuramente quello immobiliare. Nonostante alcuni piccoli segnali di miglioramento pervenuti negli ultimi dieci anni il momento storico rimane uno dei più critici: infatti dal 2010 la mole effettiva di transizioni riguardanti le compravendite di appartamenti hanno subito una diminuzione addirittura del 15%.

Un dato sicuramente sconfortante che permette di avere un quadro chiaro della situazione: il valore del mattone si abbassa sempre di più e conseguentemente il divario tra classi sociali povere e classi sociali abbienti diventa maggiore. Perché? Chi ha di bisogno vende (svalutando) e chi ha la possibilità di investire lo fa consapevole che tra qualche anno i prezzi torneranno ad aumentare.

Ma in tutto questo, nel mercato appena sopracitato, c’è una figura professionale che nonostante il periodo di crisi riesce a farsi spazio senza grossi problemi: è il lavoro del mediatore immobiliare che ha il compito di mettere in contatto due parti (con le quali ovviamente non deve avere alcun legame) affinchè l’operazione possa andare effettivamente in porto.

Come si diventa agenti immobiliari

Il lavoro dell’agente immobiliare è un lavoro estremamente dinamico che non permette di sedersi sugli allori e obbliga ad avventarsi sulle potenziali prede come s degli avvoltoi. Ma come si intraprende la strada che porta all’esercizio effettivo della professione?

Di base sono due le possibilità per conseguire il patentino: in primo luogo si potrebbe dimostrare la collaborazione per un periodo superiore a ventiquattro mesi con una società immobiliare così facendo verrebbe meno quell’iter che obbliga alla partecipazione di un determinato corso.

Corso che invece è indispensabile per chi non ha esperienze pregresse così longeve: per potervi partecipare bisogna essere in possesso di un diploma di scuola media superiore. Avuto ciò si ha la possibilità di frequenza che comporta, alla fine, un esame su nozioni che vertono sul diritto pubblico e privato, su nozioni bancarie e quant’altro.

Se superato quest’ultimo step si può fare richiesta esplicita alla Camera di Commercio per l’apertura di una partita Iva (con tanto di codice REA) che abilita effettivamente all’esercizio della professione.

Compiti e guadagni dell’agente immobiliare

Come detto precedentemente il lavoro dell’agente immobiliare si scompone in diverse parti. Di base deve riuscire a mettere in contatto due parti per dare il via ad una ipotetica trattativa di compravendita. A questo punto diventano fondamentali le capacità di vendita dell’agente immobiliare stesso che, mediante parole, gesti e ragionamenti più o meno persuasivi, deve riuscire in tutti i modi a convincere ambedue le parti che l’affare è dietro l’angolo.

Svolto questo lavoro quali sono i compensi? Sicuramente non sono irrisori, questo è poco ma sicuro. Su una chiusura di una compravendita il guadagno netto di un agente oscilla tra l’1% e il 3% sull’importo totale della vendita: se ad esempio l’immobile è stato venduto per 100.00€ il guadagno netto potrebbe essere di 1000€ o 3.000€.
Certo, e va sottolineato, che non si chiudono compravendite di questo calibro quotidianamente ma oggettivamente parlando sono compensi notevoli.

Esistono però dei casi specifici dove il mediatore non ha diritto ad alcun compenso. Ecco i casi:

  • Nel caso in cui non sia iscritto al Rea in quanto non potrebbe esercitare la professione;
  • Nel caso in cui nell’eventuale esito positivo della trattativa la sua figura sia risultata marginale;
  • Nel caso in cui, ovviamente, l’affare non si sia concluso con l’esito sperato.

Detto tutto ciò è un percorso formativo che probabilmente conviene inseguire. L’iter è fondamentalmente accessibile a tutti ipso facto anche chi non è del settore vi si potrebbe immedesimare con ottimi risultati. Ovviamente, però, bisogna essere portati nel fiuto dell’affare. Se non vi è la predisposizione è forse meglio virare su altre opzioni.

Potrebbe interessarti

Ristrutturazione del tetto condominiale, chi deve pagare per le spese

Può capitare in alcuni stabili che, improvvisamente, nascano delle problematiche riguardo al tetto condominiale e che questo necessiti di lavori inderogabili. Tale situazione può innescare, spesso, delle dispute tra gli stessi inquilini dello stabile su chi deve pagare la ristrutturazione del tetto condominiale. Infatti, questa non è una spesa di poco conto e, considerando le situazioni economiche in cui versano varie famiglie, va ad incidere notevolmente su queste ultime.

Leggi tutto...

Irrigazione Domotica: per un giardino sempre verde

Negli ultimi anni sono sempre di più i dispositivi connessi nelle nostre case: Lavatrici smart, lampadine controllabili dal telefono, casse Bluetooth, riscaldamento centralizzato e tanto altro.

Leggi tutto...

Smart windows, vetrate intelligenti per migliorare la nostra vita

La tecnologia e le scoperte in campo scientifico corrono inesorabilmente e noi, di conseguenza, corriamo insieme a loro. Negli ultimi vent’anni è difatti innegabile che il nostro stile di vita si è radicalmente mutato e con esso anche le nostre abitudini: di sicuro ne abbiamo tratto giovamento ma in alcune cose, soprattutto per i più piccoli, bisognerebbe porre qualche accento in più.

Leggi tutto...

Case “full elettric”: innovazione e comodità

La tecnologia fa passi avanti anche nell’edilizia. Dal 2020, infatti, saranno realtà le prime case “full elettric”, edifici in cui l’unica forma di energia utilizzata sarà l’elettricità. Questo porterà ad una vera e propria “rivoluzione elettrica”, con sempre più persone che investiranno nell’energia solare.

Leggi tutto...

Isolamento acustico: una soluzione per vivere in pace

La convivenza in un condominio è sempre stato argomento di discussione e litigi causati da i più svariati motivi. C’è chi annaffia le piante allagando il balcone sottostante, chi lascia i propri animali liberi nel cortile condominiale o parcheggia l’automobile in uno spazio non riservato a lui.

Leggi tutto...

I più condivisi

Provvigioni e Agenzie Immobiliari: ecco come funziona

L’ambito in cui lavorano le agenzie immobiliari è sempre molto dinamico e disponibile. Gli Agenti immobiliari, infatti, basano il loro lavoro sul fare rete, cioè conoscere sempre più persone che vogliono acquistare o vendere un immobile.

Leggi tutto...

Lavorare nel mercato immobiliare, quali le figure più importanti

Nel nostro Paese, il settore degli immobili è sempre stato molto attivo e vivace, in quanto per gli Italiani l’acquisto ed il possesso di una casa è sempre stato un importante traguardo della vita. Sebbene negli ultimi anni la crisi economica abbia colpito anche questo ambito, tuttavia lavorare nel mercato immobiliare non risulta difficile e le sue figure di riferimento sono sempre molto richieste.

Leggi tutto...

Acquisto seconda casa: cosa fare per comprarla

Acquistare una seconda casa è stato, per molti anni considerato un lusso possibile solo a poche persone facoltose. Il mercato immobiliare ha cambiato scenario e, complice la crisi e l’esistenza di diverse soluzioni bancarie, in questo momento storico le possibilità di acquisto di una seconda casa sono aumentate.

Leggi tutto...

Il lavoro del mediatore immobiliare: opportunità concrete in un periodo di crisi

Un mercato che sta conoscendo un periodo buio e alquanto discusso è sicuramente quello immobiliare. Nonostante alcuni piccoli segnali di miglioramento pervenuti negli ultimi dieci anni il momento storico rimane uno dei più critici: infatti dal 2010 la mole effettiva di transizioni riguardanti le compravendite di appartamenti hanno subito una diminuzione addirittura del 15%.

Leggi tutto...

Corsi per agente immobiliare

Per intraprendere la carriera d’agente immobiliare, come prima cosa, bisogna tracciarsi una zona in cui si vuole agire, di conseguenza le zone in cui si vuole operare. Prima di tutto ciò, però, bisogna, come prima cosa, fare dei corsi per agenti immobiliari. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lavorare come agente immobiliare, ecco i requisiti

Passano i decenni, ma il riuscire a trovare un acquirente per una casa che si intende vendere oppure, viceversa, qualcuno interessato a venderne una quando la si vuole acquistare non è mai semplice. Fortunatamente, tuttavia, nel corso degli anni si sono diffuse le agenzie immobiliari e con esse anche gli agenti, che facilitano l'incontro tra domanda ed offerta in questo settore. Un lavoro non facile, in quanto i requisiti per un agente immobiliare sono diversi e non semplici da avere.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Affitto irregolare, penalizzazioni e conseguenze per inquilino e locatore

Quello dell'affitto in nero o irregolare di immobili, purtroppo, è un fenomeno presente in varie città e province italiane, soprattutto grandi ed anche sedi di università. Infatti, se da un lato questa problematica può riguardare un pò tutti coloro che sono alla ricerca di un'abitazione da affittare, dall'altro tende a coinvolgere in particolare gli studenti universitari fuorisede, più soggetti, per varie ragioni, a tale fenomeno illegale. E spesso non valutando le conseguenze e le penalizzazioni dell'affitto irregolare o addirittura in nero, sia per loro che per il locatore stesso.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Gli immobili come investimenti: ecco le nuove plusvalenze

Come ben sappiamo la situazione economica italiana in questo periodo è tutt’altro che florida e riuscire a guardare al futuro con ottimismo riesce molto difficile. A maggior ragione il tutto si acuisce se si passa all’analisi economica degli italiani stessi: c’è gente oggettivamente benestante, che è riuscita a sapersi valere e quindi ottenere occupazioni eccelse, mentre c’è gente che fatica seriamente all’arrivare a fine mese. 

Leggi tutto...
Go to Top