Possedere una casa di proprietà rappresenta il sogno di moltissime persone, sia giovani che anziani. Se per i primi, infatti, il desiderio è avere un piccolo nido d'amore con il proprio partner, in cui far crescere anche dei bambini, per i secondi l'aspirazione maggiore è vivere con serenità la pensione ed il resto della propria vita, evitando l'ansia di uno sfratto. Se alcuni poi mirano ad una dimora semplice, il sogno proibito di altri è invece possedere uno o più immobili di lusso.

Infatti, tante persone amerebbero avere una piscina in cui fare il bagno in estate oppure una villa in cui organizzare delle feste con amici e colleghi di lavoro o, ancora, dimorare magari in un castello di antichissime origini e di lunga tradizione storica. Ma, alla fine, un'abitazione di pregio o di lusso quando è considerata tale e quali le caratteristiche che la contraddistinguono da una semplice dimora sia pur ampia? Cerchiamo di sapere qualcosa di più su questo genere di case assai particolari.

Quali sono le abitazioni di lusso

Questo tipo di dimora rappresenta una particolare e piccola categoria di immobili, che si possono distinguere dagli altri non solo per le dimensioni ampie, ma anche per la posizione in cui sono dislocate e per le finiture o stile architettonico che presentano. A definire in maniera più esauriente un'abitazione di lusso, tuttavia, è intervenuta la legge ed in particolare il Decreto Ministeriale n° 1072 dell'Agosto 1969, il quale fa rientrare in tale categoria le seguenti strutture:

  • Abitazioni destinate a ville o parchi privati: strutture abitative realizzate su aree definite dalla normativa urbanistica appunto "a ville" o "a parco privato" o destinate per la realizzazione di abitazioni di lusso;
  • Case unifamiliari: abitazioni costruite su aree definite dalla normativa come destinate all'edilizia unifamiliare, con lotti non inferiori ai 3000 mq, ad esclusione delle aree agricole;
  • Abitazioni con cubatura maggiore di 2000 mc, ma con particolari caratteristiche;
  • Abitazioni unifamiliari con campo da tennis o piscina: dimore che presentano un campo da tennis di almeno 650 mq oppure una piscina di 80 mq;
  • Alloggio padronale: strutture composte da un unico alloggio padronale superiore ai 200 mq, ma dotate di particolari caratteristiche;
  • Unità immobiliari di superficie maggiore a 240 mq;
  • Fabbricati di edilizia residenziale: ogni alloggio o fabbricato realizzati su terreni il cui valore risulta essere superiore di almeno una volta e mezzo quello della singola costruzione.

Inoltre, sono considerati di lusso tutte quelle dimore che posseggano più di quattro delle caratteristiche elencate:

  • superficie dell'abitazione superiore a 160 mq;
  • terrazze e balconi con superficie maggiore a 65 mq;
  • più di un ascensore per singola scala;
  • montacarichi;
  • scala principale con pareti decorate con materiale di pregio;
  • porte d'ingresso realizzate con legno o decorazioni pregiate;
  • pavimenti con materiale o con lavorazioni pregiate per un'area maggiore del 50% della superficie complessiva;
  • piscina per una struttura con meno di 15 unità immobiliari;
  • campo da tennis per un complesso abitativo dotato di meno di 15 unità immobiliari.

In pratica, rientrano nella categoria di immobile di lusso le dimore che sono registrate a livello catastale come A/1 (cioè abitazioni di tipo signorile); A/8 (quindi abitazioni in ville) ed A/9 (castelli e palazzi di pregio artistico o storico).

Effetti di tale classificazione

Naturalmente, i possessori di abitazioni che rientrano in queste categorie catastali sono tenuti a pagare imposte sulla casa direttamente connesse al valore di essa e, dall'altra parte, non possono usufruire di eventuali agevolazioni, anche di tipo fiscale. Un esempio è fornito dal cosiddetto "Bonus Prima Casa" e che concede, tra le altre cose, anche sconti sull'imposta di registro da pagare per le prime abitazioni.

Infatti, una sentenza della Corte di Cassazione del Settembre 2013 ha disposto che questa agevolazione non può essere fatta valere dai soggetti che posseggono immobili definiti di pregio o di lusso e comunque rientranti nelle categorie catastali A/1, A/8 ed A/9. Di conseguenza, il possedere questo genere di dimora comporta vari e considerevoli vantaggi per i proprietari, tuttavia tali benefici comportano anche dei sacrifici, soprattutto a livello economico.

Potrebbe interessarti

Ristrutturazione mansarda: un piccolo spazio per grandi progetti

La mansarda, fino ad alcuni decenni fa, era vista e considerata semplicemente come un locale di poco valore, in cui accatastare vecchi mobili e conservare scatoloni ripieni di roba inutilizzata, forse a causa degli spazi assai limitati che poteva offrire. Tuttavia, essa ha acquisito recentemente invece un nuovo valore ed è stata riscoperta come utile spazio abitativo. Al giorno d'oggi, in effetti, basta un'adeguata ristrutturazione della mansarda per farla diventare una bellissima sala colorata, viva e soprattutto affascinante.

Leggi tutto...

Contabilizzazione del calore: quali sono i vantaggi

Dal 2017, è entrata in vigore in maniera definita la legge relativa al riscaldamento centralizzato ed alla contabilizzazione del calore nei condomini. Questa legge obbliga tutti i condomini con riscaldamento centralizzato di dotare ogni calorifero di un ripartitore di calore per contabilizzarlo e nel seguire le nuove disposizioni in termini di costi dei consumi.

Leggi tutto...

Ristrutturazione del tetto condominiale, chi deve pagare per le spese

Può capitare in alcuni stabili che, improvvisamente, nascano delle problematiche riguardo al tetto condominiale e che questo necessiti di lavori inderogabili. Tale situazione può innescare, spesso, delle dispute tra gli stessi inquilini dello stabile su chi deve pagare la ristrutturazione del tetto condominiale. Infatti, questa non è una spesa di poco conto e, considerando le situazioni economiche in cui versano varie famiglie, va ad incidere notevolmente su queste ultime.

Leggi tutto...

Incentivi per il risparmio energetico: unire l’utile al dilettevole

In un periodo storico che non conosce alcuna sosta dal punto di vista dello sviluppo tecnologico le nostre vite hanno subito un radicale mutamento che nella stragrande maggioranza dei casi hanno dei risvolti solo ed esclusivamente positivi.

Leggi tutto...

Isolamento acustico: una soluzione per vivere in pace

La convivenza in un condominio è sempre stato argomento di discussione e litigi causati da i più svariati motivi. C’è chi annaffia le piante allagando il balcone sottostante, chi lascia i propri animali liberi nel cortile condominiale o parcheggia l’automobile in uno spazio non riservato a lui.

Leggi tutto...

I più condivisi

Lavorare come agente immobiliare, ecco i requisiti

Passano i decenni, ma il riuscire a trovare un acquirente per una casa che si intende vendere oppure, viceversa, qualcuno interessato a venderne una quando la si vuole acquistare non è mai semplice. Fortunatamente, tuttavia, nel corso degli anni si sono diffuse le agenzie immobiliari e con esse anche gli agenti, che facilitano l'incontro tra domanda ed offerta in questo settore. Un lavoro non facile, in quanto i requisiti per un agente immobiliare sono diversi e non semplici da avere.

Leggi tutto...

Agevolazione acquisto prima casa: scopri tutte le novità

Per molte persone, spesso, dopo anni di duri sacrifici, arriva l'occasione e la possibilità di acquistare una bella casa. Una propria dimora dove poter trascorrere la propria vita, far crescere i figli e vivere, nei limiti del possibile, serenamente. Negli ultimi anni, sia per facilitare la realizzazione di questo sogno per tante famiglie e sia per stimolare il mercato immobiliare e la compravendita di abitazioni, lo Stato fornisce un'agevolazione per l'acquisto prima casa, denominato anche "bonus prima casa".

Leggi tutto...

Le tipologie di comodato d'uso gratuito per gli immobili

Sono tantissimi gli immobili presenti nel nostro Paese a disposizione dei loro proprietari e che vengono affittati ad altre persone, le quali pagano una certa quota di denaro mensilmente per usufruire di una abitazione dove dimorare. Tuttavia, è possibile anche imbattersi nella concessione temporanea di un immobile senza che obbligatoriamente vi sia un corrispettivo in denaro da fornire al suo proprietario legittimo. Si parla ad esempio del comodato d'uso gratuito di un immobile. 

Leggi tutto...

Il lavoro del mediatore immobiliare: opportunità concrete in un periodo di crisi

Un mercato che sta conoscendo un periodo buio e alquanto discusso è sicuramente quello immobiliare. Nonostante alcuni piccoli segnali di miglioramento pervenuti negli ultimi dieci anni il momento storico rimane uno dei più critici: infatti dal 2010 la mole effettiva di transizioni riguardanti le compravendite di appartamenti hanno subito una diminuzione addirittura del 15%.

Leggi tutto...

Provvigioni e Agenzie Immobiliari: ecco come funziona

L’ambito in cui lavorano le agenzie immobiliari è sempre molto dinamico e disponibile. Gli Agenti immobiliari, infatti, basano il loro lavoro sul fare rete, cioè conoscere sempre più persone che vogliono acquistare o vendere un immobile.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Mutuo per i giovani: il sogno chiamato casa passa di qui

Il nostro, non si può negare, è probabilmente uno dei periodi storici più neri dopo la fine della seconda guerra mondiale. Dal punto di vista economico, lavorativo e quindi sociale non vi è fascia di età che non si trovi in difficoltà viste le paradossali condizioni di vita che si sono venuta a creare in quello che un tempo era definito ‘Belpaese’.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Assicurazione casa in affitto: come e quando stipularla

Sino a poco tempo fa per chi affittava casa e per l’affittuario non esistevano molte tutele in caso di problemi o di affitti non pagati. Ad esempio i proprietari che dovevano affittare i loro appartamenti utilizzavano la caparra o la cauzione come unica forma di tutela per danni ed altre problematiche.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quali sono le tasse sulla seconda casa

Alcune persone fortunate riescono ad averne una in qualche bella località balneare oppure di montagna, tuttavia la seconda casa rappresenta un lusso che porta con sè diverse problematiche, spesso sotto forma di tasse o imposte da pagare su di essa. Infatti, mentre l'acquisto ed il possesso dell'abitazione principale viene agevolato in diverse maniere, tutto ciò non avviene per le successive e quindi le tasse sulla seconda casa tendono ad essere diverse e in alcuni casi anche consistenti.

Leggi tutto...
Go to Top