Uno degli aspetti che nel corso dei secoli è stato spesso oggetto di normativa di legge è stata la successione nella proprietà dei beni in caso di scomparsa di una persona. In altre parole, come avviene la suddivisione dei beni di un defunto nei confronti degli eredi, siano essi il coniuge, i figli, fratelli o altri parenti. Su tali eredità, poi, lo Stato negli ultimi decenni ha inserito anche delle imposte, definite tasse di successione.

Comunque, nel corso del tempo, la normativa sulla successione di immobili o altri tipi di beni ha visto delle modificazioni, tendenzialmente sempre più spesso a favore degli eredi e di una riduzione dei costi e delle imposte gravanti su di essi. Andiamo a conoscere meglio, quindi, in cosa consista tale successione, quali siano i beni coinvolti e gli eredi beneficiari e soprattutto come calcolare quanto questi devono pagare allo Stato.

Come si determina la successione

In caso di morte di una persona, i beni e i diritti su questi appartenuti al defunto si trasferiscono agli eredi, in base alla cosiddetta successione legittima o secondo le indicazioni presenti nel testamento. Tutti questi beni e diritti formano l'attivo ereditario e ne fanno parte appunto beni immobili (terreni, negozi o abitazioni) o mobili (esclusi titoli di Stato e veicoli), denaro e gioielli. Nel passivo ereditario rientrano invece tutti i debiti del defunto. La differenza tra questo attivo e passivo è l'asse ereditario, su cui gli eredi dovranno pagare delle imposte allo Stato.

L'eredità degli immobili

Nel caso in cui ci fosse obbligo di presentazione di successione (proprio recentemente è stato definito un nuovo modulo da parte dell'Agenzia delle Entrate ed anche un modello telematico), le imposte da pagare variano in base al grado di parentela dell'erede ed alla somma ereditata, a cui sono collegate anche delle cosiddette franchigie. Tuttavia, in particolare sui beni immobili, la normativa richiede ulteriori calcoli specifici per definire la quota di tasse da pagare.

Per quanto concerne la tassa di successione, coniuge e parenti in linea retta (come figli, genitori, nipoti, etc) pagano un'aliquota del 4% per la parte che eccede un milione di Euro di eredità. Si arriva invece al 6% per fratelli e sorelle, per la parte che supera i 100.000 Euro. Per altri parenti o soggetti, tale tassazione varia tra il 6% e l'8%. Sui beni immobili, il cui valore concorre naturalmente alla quantificazione dell'eredità, si abbinano poi anche delle imposte indirette.

Tra queste vi sono quelle catastali ed ipotecarie, le medesime che si rinscontrano nel caso di compravendita di immobili e che si devono pagare attraverso un versamento con modello F24. Mentre per gli eredi, di qualsiasi grado, l'imposta ipotecaria è del 2%, variabile è la situazione per quella catastale. Per definire questa, è necessario conoscere il valore catastale di un'abitazione o fabbricato, che si ottiene moltiplicando la sua rendita (rivalutata del 5%) per dei coefficienti specifici.

Per tutte le abitazioni rientranti nella categoria catastale A (tranne l'A/10) tale coefficiente è 120, mentre è 140 per i fabbricati della categoria B. Nel caso particolare poi che gli eredi acquisiscano un immobile e lo pongano come abitazione principale, la normativa prevede l'applicazione di tutte le consuete agevolazioni inerenti la prima casa. Per quanto riguarda, invece, i terreni edificabili, il loro valore catastale si calcola moltiplicando il loro reddito dominicale (rivalutato del 25%) per 90. In generale, ottenuto il valore catastale di un bene, l'imposta relativa è dell'1%.

Riferimenti normativi e novità in materia

Per coloro che volessere approfondire o conoscere meglio questo argomento, per quanto riguarda le successioni in generale, tra cui vi sono i casi specifici inerenti quelle degli immobili, i riferimenti normativi sono il Decreto Legislativo n°346 del 31 Ottobre 1990, il Decreto Legge n°262 del 3 Ottobre 2006 ed il Decreto Legislativo n°175 del 21 Novembre 2014.

Ricordiamo, infine, che dal 1° Gennaio 2019 è obbligatoria la dichiarazione di successione online, cioè un modello telematico che permette di adempiere ad una serie di obblighi ad essa relativi, poter calcolare le diverse imposte e di richiedere volture catastali di immobili. Per poter usufruire di questa dichiarazione e delle istruzioni per la sua compilazione, anche eventualmente scaricabili, o avere semplicemente maggiori informazioni al riguardo, basta visitare il sito internet dell'Agenzia delle Entrate.          

Potrebbe interessarti

Pannelli solari fai da te: è possibile costruirli

Considerando l'altalena dei prezzi di luce e gas, nel nostro Paese sono sempre di più le persone che decidono di realizzare un impianto fotovoltaico per la propria abitazione, al fine risparmiare sui costi di tali bollette e di utilizzare l'energia solare, pulita ed economica. Tuttavia, uno dei limiti alla diffusione capillare di tale sistema ecologico nelle case è rappresentato dai costi per la realizzazione dell'impianto, ancora non proprio economici.

Leggi tutto...

Ristrutturazione del tetto condominiale, chi deve pagare per le spese

Può capitare in alcuni stabili che, improvvisamente, nascano delle problematiche riguardo al tetto condominiale e che questo necessiti di lavori inderogabili. Tale situazione può innescare, spesso, delle dispute tra gli stessi inquilini dello stabile su chi deve pagare la ristrutturazione del tetto condominiale. Infatti, questa non è una spesa di poco conto e, considerando le situazioni economiche in cui versano varie famiglie, va ad incidere notevolmente su queste ultime.

Leggi tutto...

Case “full elettric”: innovazione e comodità

La tecnologia fa passi avanti anche nell’edilizia. Dal 2020, infatti, saranno realtà le prime case “full elettric”, edifici in cui l’unica forma di energia utilizzata sarà l’elettricità. Questo porterà ad una vera e propria “rivoluzione elettrica”, con sempre più persone che investiranno nell’energia solare.

Leggi tutto...

Isolamento acustico: una soluzione per vivere in pace

La convivenza in un condominio è sempre stato argomento di discussione e litigi causati da i più svariati motivi. C’è chi annaffia le piante allagando il balcone sottostante, chi lascia i propri animali liberi nel cortile condominiale o parcheggia l’automobile in uno spazio non riservato a lui.

Leggi tutto...

Irrigazione Domotica: per un giardino sempre verde

Negli ultimi anni sono sempre di più i dispositivi connessi nelle nostre case: Lavatrici smart, lampadine controllabili dal telefono, casse Bluetooth, riscaldamento centralizzato e tanto altro.

Leggi tutto...

I più condivisi

Mutuo per i giovani: il sogno chiamato casa passa di qui

Il nostro, non si può negare, è probabilmente uno dei periodi storici più neri dopo la fine della seconda guerra mondiale. Dal punto di vista economico, lavorativo e quindi sociale non vi è fascia di età che non si trovi in difficoltà viste le paradossali condizioni di vita che si sono venuta a creare in quello che un tempo era definito ‘Belpaese’.

Leggi tutto...

Lavorare come agente immobiliare, ecco i requisiti

Passano i decenni, ma il riuscire a trovare un acquirente per una casa che si intende vendere oppure, viceversa, qualcuno interessato a venderne una quando la si vuole acquistare non è mai semplice. Fortunatamente, tuttavia, nel corso degli anni si sono diffuse le agenzie immobiliari e con esse anche gli agenti, che facilitano l'incontro tra domanda ed offerta in questo settore. Un lavoro non facile, in quanto i requisiti per un agente immobiliare sono diversi e non semplici da avere.

Leggi tutto...

Provvigioni e Agenzie Immobiliari: ecco come funziona

L’ambito in cui lavorano le agenzie immobiliari è sempre molto dinamico e disponibile. Gli Agenti immobiliari, infatti, basano il loro lavoro sul fare rete, cioè conoscere sempre più persone che vogliono acquistare o vendere un immobile.

Leggi tutto...

Bisogno di una casa? Mutuo Prima Casa

Si sa che il primo passo importante quando si decide di sposarsi è quello di acquistare una casa. In molti casi l’acquisto della prima casa non è una spesa irrisoria e quindi si decide quasi sempre di optare per un mutuo.

Leggi tutto...

Agevolazione acquisto prima casa: scopri tutte le novità

Per molte persone, spesso, dopo anni di duri sacrifici, arriva l'occasione e la possibilità di acquistare una bella casa. Una propria dimora dove poter trascorrere la propria vita, far crescere i figli e vivere, nei limiti del possibile, serenamente. Negli ultimi anni, sia per facilitare la realizzazione di questo sogno per tante famiglie e sia per stimolare il mercato immobiliare e la compravendita di abitazioni, lo Stato fornisce un'agevolazione per l'acquisto prima casa, denominato anche "bonus prima casa".

Leggi tutto...

Leggi anche...

Acquisto seconda casa: cosa fare per comprarla

Acquistare una seconda casa è stato, per molti anni considerato un lusso possibile solo a poche persone facoltose. Il mercato immobiliare ha cambiato scenario e, complice la crisi e l’esistenza di diverse soluzioni bancarie, in questo momento storico le possibilità di acquisto di una seconda casa sono aumentate.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Comodato ad uso gratuito: come funziona

Comodato d’uso gratuito è un contratto che può essere scritto o verbale stipulato col proprietario del bene. Quindi, è un bene mobile o immobile, che viene consegnato dal proprietario ad un altro soggetto per un periodo di tempo stipulato nel contratto. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Successione immobili: quali sono le normative

Uno degli aspetti che nel corso dei secoli è stato spesso oggetto di normativa di legge è stata la successione nella proprietà dei beni in caso di scomparsa di una persona. In altre parole, come avviene la suddivisione dei beni di un defunto nei confronti degli eredi, siano essi il coniuge, i figli, fratelli o altri parenti. Su tali eredità, poi, lo Stato negli ultimi decenni ha inserito anche delle imposte, definite tasse di successione.

Leggi tutto...
Go to Top